Come (e quando) fare denuncia alla Polizia Postale

By Redazione Italia Cashback | Acquisti in rete

SCARICA LA NOSTRA GUIDA AL CASHBACK

Vuoi risparmiare centinaia di euro all'anno dai tuoi acquisti online?

Ago 15
Copertina guida a come fare denuncia alla Polizia Postale

Stiamo aggiornando questo articolo. Nelle prossime ore il contenuto della pagina potrebbe essere incompleto. Ti ringraziamo per la pazienza!

Se si è caduti vittima di una truffa online, o se ci si è imbattuti in un reato telematico, è fondamentale sapere come sporgere denuncia alla polizia postale.

Nonostante il fatto che acquistare un prodotto online sia ormai estremamente sicuro, c’è ancora (e ci sarà in futuro) la possibilità di subire una truffa telematica. Questa può essere di vari tipi, e implica quasi sempre la necessità di fare denuncia alla polizia postale per tutelarsi.

In questo articolo vedremo esattamente come fare.

Che tipo di truffe si possono subire su internet

Le truffe che si possono subire in rete sono molte e di tipologie diverse tra di loro.

Tra le più comuni ci sono il phishing, cioè l'inganno sulla reale identità del proprio interlocutore virtuale (che può fingersi una banca, un creditore, un ente), gli attacchi informatici ad aziende e istituzioni, le truffe legate ai sistemi di home banking (tramite phishing stesso, hacking o virus informatici).

Frequenti sono poi le truffe legate agli acquisti online e quindi agli e-commerce, nonché le violazioni di copyright e dei diritti d’autore.

PER SAPERNE DI PIù: in caso di acquisti su shop online è utile conoscere come funziona il diritto di recesso. Abbiamo scritto una guida dettagliata alle regole di cui ci si può valere.

Infine, esistono reati digitali contro la persona come il cyberbullismo o addirittura il cyberterrorismo. Anche questi rientrano nella sfera di competenza della Polizia Postale.

come denunciare alla polizia postale

A chi si deve denunciare una truffa online?

Se si incappa in un raggiro sul web o si sospetta di essere vittima di una truffa online, il referente a cui denunciare l’illecito è il corpo di Polizia Postale dello Stato.

Questo, attraverso il suo Sportello per la sicurezza degli utenti del web, mette a disposizione strumenti di segnalazione e denuncia, e fornisce costantemente informazioni utili alla tutela di chi naviga e compra su internet.

Sul sito della Polizia Postale, oltre alla sezione segnalazioni di cui ci occuperemo tra poco, sono sempre presenti indicazioni aggiornate sull’uso sicuro dello smartphone, sulle precauzioni da prendere quando si naviga in rete, sulla tutela dei minori sul web, e sui blocchi delle principali carte di credito.

Inoltre, il sito della Polizia Postale andrebbe periodicamente consultato per conoscere quali truffe online stanno circolando in un determinato periodo, e quali attenzioni adottare di fronte ad una nuova minaccia.

Come fare la denuncia

All'interno sito ufficiale del Commissariato di Pubblica Sicurezza Online è presente una sezione - accessibile dal menù dell'home page - dedicata in modo specifico alle segnalazioni.

Screenshot segnalazioni su sito Polizia Postale

Fonte: Commissariato di P.S. Online

Accedendo a questa parte della piattaforma si troveranno differenti opzioni, per fare una segnalazione online o per svolgere la denuncia in sede sul territorio.

La denuncia alla Polizia Postale non può tuttavia essere svolta interamente da casa o da remoto, però: compilando gli appositi moduli sul sito e portando a termine la procedura verrà creata e resa scaricabile una sorta di ricevuta telematica.

Con questa ci si dovrà in un secondo tempo recare in uno degli uffici della Polizia Postale sul territorio per conferire valore legale alla denuncia online.

Domande frequenti

Di quali reati si occupa la Polizia Postale?

La Polizia Postale si occupa di tutti i generi di reati telematici. Tra questi il phishing, le truffe che riguardano gli e-commerce, tutti i tipi di hacking e di attacchi informatici. Sono di competenza della Polizia Postale anche i reati di cyberbullismo, cyberterrorismo e pornografia infantile.

Come fare denuncia alla Polizia Postale?

Per fare denuncia alla Polizia Postale ci sono due possibilità. 1) Recarsi al più vicino ufficio sul territorio oppure 2) utilizzare i moduli online nella sezione di competenza del sito ufficiale del Corpo. Anche in questo secondo caso però, la fase online rappresenta soltanto una ‘segnalazione’, che per diventare denuncia ufficiale dovrà essere ratificata e sottoscritta in un ufficio sul territorio.

Quali siti scegliere per acquistare online in sicurezza?

Anche se il commercio elettronico e i relativi sistemi di pagamento sono oggi estremamente più sicuri e blindati di un tempo, è opportuno seguire alcune regole rigide quando si acquista su internet. Tra queste l’acquisto su siti molto conosciuti e recensiti, l’utilizzo di sistemi di pagamento sicuri, la garanzia dell’intermediazione di un marketplace quando si fa una transazione tra privati.

Conclusioni

In generale le truffe online non sono di semplice gestione, specialmente se esiste una transazione conclusa tra due privati cittadini. I truffatori, infatti, potrebbero aver usato dati fittizi, portando le indagini a richiedere molto tempo.

Questi fanno leva proprio sulla lentezza dell’apparato burocratico e giudiziario per operare piccole o grandi truffe, e far si che sia poco conveniente, anche in termini economici, completare la denuncia.

Non esiste un modo sicuro al 100% per non incappare in truffe su internet. Seguendo però alcune semplice regole di condotta e di prudenza si possono evitare la maggior parte delle situazioni a rischio.

Per quanto riguarda in particolare il commercio online, il modo migliore di evitare le truffe su internet è, in prima istanza, non concludere transazioni online tra privati, nè su siti poco conosciuti o con sistemi di pagamento non tradizionali.

È utile fare riferimento a siti consolidati e recensiti, o a marketplace attivi da anni.

Ad esempio, i siti partner delle principali piattaforme di cashback sono tutti siti verificati e sufficientemente affidabili. Controllare se un sito che conoscete poco è partner di un grosso circuito di cashback è una buona cartina di tornasole (oltre che un’occasione per risparmiare).

Nella vostra esperienza online avete già dovuto ricorrere all’intervento della Polizia Postale? Che tipo di truffa online avete subito? Se volete condividere la vostra esperienza, lasciate un commento.

Follow

About the Author

La Redazione di Italia Cashback eredita l'esperienza di 8 anni della piattaforma Queexo.com e la riversa in un nuovo contesto più globale, smart e improntato al marketing strategico (che rappresenta la principale area di expertise del gruppo).

>
Scroll Up